Su di Me

Chi sono

Dovrebbe essere facile descrivere la persona che conosci meglio di tutti: te stessa! Invece quando si tratta di parlare di me non so mai da dove partire.
Inizio col dirti che sono dei Gemelli e no, non credo agli oroscopi! Sono curiosa, socievole, razionale e in perenne movimento. Amo impiegare il mio tempo libero imparando cose nuove.
Divido la mia vita con mio marito e tre splendide figlie in una grande casa immersa nella campagna veneta a pochi passi da Venezia.

Cosa faccio nella vita reale

Dopo una laurea in Filosofia e due diplomi di Conservatorio approdo a quello che è il mio attuale lavoro: la bibliotecaria. Dispenso consigli di lettura, leggo ai bambini, curo il sito web e la pagina social della biblioteca. Quotidianamente vengo a contatto con libri, giornali e riviste, audiolibri, e-book, DVD, CD musicali... Conosci lavoro più bello?

Cosa faccio nel web

Da brava Gemelli conduco una doppia vita: di giorno bibliotecaria e nel tempo libero foodblogger.
Devi sapere che ho sempre amato cucinare: con la scelta di diventare vegetariana appena ventenne ho mosso i primi passi nella cucina di mamma. Provavo ricette e ingredienti nuovi, sperimentando e sbagliando tanto!
All'epoca internet non esisteva: mi affidavo a qualche libro o rivista specializzata. Malgrado l’amore per il cibo però non ho mai frequentato un corso di cucina anche se sogno di farne uno prima o poi :)
Così, con il mio bagaglio di esperienza sul campo, cinque anni fa mi sono affacciata timidamente sul web dando vita a foodosophy.it.
Quello spazio poi ha iniziato a starmi stretto e, durante il lockdown causa Covid, ho cominciato a fantasticare su come avrei voluto la mia "nuova casa".
Così è nato "The Green Table"

Ora che ci conosciamo meglio, accomodati a tavola!
Qui potrai trovare piatti vegetariani, vegani e, a volte, gluten free. Utilizzo prodotti prevalentemente biologici e di stagione, per la maggior parte provenienti dall'orto di famiglia. (quindi niente fragole a dicembre:) )
Fermati per una chiacchierata: tra una portata e l’altra possiamo parlare del più e del meno...
E, prima di andartene, sai cosa mi farebbe davvero felice? Sapere che un giorno forse porterai una mia ricetta nella tua tavola!

XXX
Eleonora